X

 

R

EGISTRAZIONE

GUEST

 

 

 

o

 

 
CREA ACCOUNT

 

R

EGISTRAZIONE

CLIENTE

 

 
Possiedi o hai ordinato una vettura Ferrari?
Registrati ed accedi all'area clienti dove troverai tutti i servizi e gli eventi a te dedicati.
REGISTRATI ORA

 

O

WNER

REGISTRATION

 

 
Possiedi o hai ordinato una vettura Ferrari?
Registrati ed accedi all'area clienti dove troverai tutti i servizi e gli eventi a te dedicati.
REGISTRATI ORA
 
Ferrari 360 Spider - 2000

Introduzione

360 Spider

2000

Con la 360 Spider la Ferrari realizzò la sua ventesima convertibile stradale ottenendo due risultati d’eccellenza: la miglior spider mai prodotta a Maranello fino al 2000 per contenuti tecnici, requisiti stilistici e prestazionali,

Focus On

Ventesima Ferrari convertibile stradale

La spider più avanzata tecnologicamente al mondo per l’epoca grazie anche all’esclusivo know-how derivante dall’attività di costruttore in Formula 1.

Prosegui
Ferrari 360 Spider - 2000
Ferrari 360 Spider - 2000

Malgrado la posizione centrale del motore V8, cinque valvole per cilindro, 400 CV, i tecnici della Ferrari realizzarono una capote automatica a scomparsa totale che garantiva alla vettura grande purezza estetica. A ciò contribuivano le due protuberanze che evocavano i poggiatesta delle sport del passato e che accompagnavano i roll bar posti a completamento della sicurezza dei due occupanti.

Gli interventi sul telaio erano stati mirati a garantire le massime prestazioni in termini di rigidezze statiche e dinamiche. In particolare erano stati irrobustiti i brancardi laterali, irrigidita la parte anteriore e riprogettata la struttura parabrezza. Era stata irrigidita anche la parte posteriore per migliorare l’isolamento acustico motore-abitacolo. Le prestazioni strutturali e la risposta dinamica della 360 Spider costituirono un nuovo livello di riferimento per telaio-scocca delle vetture aperte. Gli occupanti della 360 Spider erano, in questo modo, avvolti in una gabbia a robustissima protezione completa dai due roll-bar in tubi d’acciaio, parte integrante del sistema capote, che, insieme al rinforzo del parabrezza, garantivano una notevole resistenza in caso di cappottamento. Il sistema delle sospensioni della 360 Spider era immutato rispetto alla versione coupé a triangoli sovrapposti anteriori e posteriori e recuperava tutti i parametri cinematici con configurazione antidive e antisquat. Alla guida si percepiva una vettura molto piatta con rollio e beccheggio ridotti al minimo e straordinaria precisione nell’inserimento sulla traiettoria voluta.

La meccanica della 360 Spider era rigorosamente identica a quella della berlinetta: 8 cilindri a V di 3.586 cc da 400 CV a 8.500 giri minuto montato in posizione posteriore centrale con cambio longitudinale e differenziale in blocco. Così, su strada e su pista, la 360 Spider offriva praticamente le stesse prestazioni della Modena. Con capote chiusa o aperta, la 360 superava, infatti, i 290 km/h. Il suo peso era superiore a quella della berlinetta di appena 60 kg, garantendo la stessa capacità di carico e la stessa abitabilità interna.

Ferrari 360 Spider - 2000
Ferrari 360 Spider vista tre quarti

Mantenere valori di efficacia aerodinamica simili a quelli della berlinetta furono alcuni degli obiettivi della 360 Spider. Un risultato raggiunto sfruttando le doppie aperture separate dei radiatori che permettevano il passaggio del flusso aerodinamico sotto la vettura fino agli estrattori d’aria ricavati sotto la coda. Le ore passata nella galleria del vento consentirono di ottenere, pur in assenza di spoiler e alettoni, un valore di Cz negativo con il carico aerodinamico capace di una spinta verticale sulla vettura che alla velocità massima superava i 170 Kg, appena 10 in meno della berlinetta. Per raggiungere questo carico verticale era stato inserito un nolder (una protuberanza montata in prossimità dell’angolo di coda, soluzione ripresa dalla Formula1). Il Cx era passato dallo 0,33 della berlinetta allo 0,36 della spider, rimanendo in valori normali per vetture scoperte.

Galleria Fotografica

Accurata selezione dei migliori scatti della 360 Spider in alta definizione. La galleria fotografica vuole raccontare le peculiarità di questo modello Ferrari, soffermandosi sui dettagli e le inquadrature più rilevanti.

Accurata selezione dei migliori scatti della 360 Spider in alta definizione. La galleria fotografica vuole raccontare le peculiarità di questo modello Ferrari, soffermandosi sui dettagli e le inquadrature più rilevanti.

Scheda Tecnica

motore 8 cilindri

Motore posteriore, longitudinale, 8V 90°
Alesaggio e corsa 85 x 79 mm
Cilindrata unitaria 448,29 cm3
Cilindrata totale 3586,20 cm3
Rapporto di compressione 11 : 1
Potenza massima 294 kW (400 CV) a 8500 giri/min
Potenza specifica 112 CV/l
Coppia massima 373 Nm (38 kgm) a 4750 giri/min
Distribuzione bialbero, 5 valvole per cilindro
Alimentazione iniezione elettronica Bosch Motronic ME7.3
Accensione mono, elettronica statica Bosch Motronic ME7.3
Lubrificazione carter secco
Frizione monodisco
Telaio tubolare in alluminio
Sospensioni anteriori indipendenti, quadrilateri trasversali, molle elicoidali, ammortizzatori telescopici, barra stabilizzatrice
Sospensioni posteriori indipendenti, quadrilateri trasversali, molle elicoidali, ammortizzatori telescopici, barra stabilizzatrice
Freni a disco
Cambio 6 rapporti + RM, manuale o elettroidraulico F1
Sterzo pignone e cremagliera
Serbatoio carburante capacità 95 l
Pneumatici anteriori 215/45 ZR 18
Pneumatici posteriori 275/40 ZR 18
Tipo di carrozzeria spider, 2 posti
Lunghezza 4477 mm
Larghezza 1922 mm
Altezza 1235 mm
Passo 2600 mm
Carreggiata anteriore 1669 mm
Carreggiata posteriore 1617 mm
Peso 1350 kg a secco
Velocità massima oltre 290 km/h
Accelerazione 0-100 km/h 4,6 s
0-400 m 12,7 s
0-1000 m 23,1 s
Ciclo Urbano ECE (Versione "Euro 3") 30,2/100 km
Ciclo Extraurbano EUDC (Versione "Euro 3") 12,9 l/100 km
Consumo Combinato ECE+EUDC (Versione "Euro 3") 19,3 l/100 km
Emissioni CO2 Combinato (Versione "Euro 3") 440 g/km