X

 

R

EGISTRAZIONE

GUEST

 

 

 

o

 

 
CREA ACCOUNT

 

R

EGISTRAZIONE

CLIENTE

 

 
Possiedi o hai ordinato una vettura Ferrari?
Registrati ed accedi all'area clienti dove troverai tutti i servizi e gli eventi a te dedicati.
REGISTRATI ORA

 

O

WNER

REGISTRATION

 

 
Possiedi o hai ordinato una vettura Ferrari?
Registrati ed accedi all'area clienti dove troverai tutti i servizi e gli eventi a te dedicati.
REGISTRATI ORA
 
Ferrari Enzo Ferrari - 2002

Introduzione

Enzo Ferrari

2002

Il concetto di “sportiva estrema”, sintesi della massima capacità tecnologica e prestazionale che la Ferrari può mettere a disposizione dei suoi clienti per un uso stradale, è segnato da modelli straordinari nella storia della Marca. Questi modelli, nell’epoca moderna della Ferrari si chiamano 288 GTO, F40 ed F50. E’ in questo filone che si inserisce nel 2002 la Enzo Ferrari, espressione del concetto di sportiva estrema, sviluppata per un uso stradale ma come sintesi dei contenuti più avanzati della tecnologia da corsa di Formula 1.

Focus on

Ferrari Enzo Ferrari - 2002

Realizzata in soli 400 esemplari, la Enzo fu costruita con materiali compositi avanzati, come sandwich in fibra di carbonio e nido d’ape di alluminio, ed era equipaggiata con un 12 cilindri a V65° di 5998 cm3 che erogava 660 CV. La vettura vantava un’aerodinamica d’eccezione, con un carico aerodinamico che incrementava fino a 775 kg a 300 km/h, per poi decrescere all’aumentare della velocità e consentire quindi il raggiungimento della velocità massima (585 kg alla velocità di 350 km/h).

Prosegui

La Storia

Il concetto di “sportiva estrema”, sintesi della massima capacità tecnologica e prestazionale che la Ferrari può mettere a disposizione dei suoi clienti per un uso stradale, è segnato da modelli straordinari nella storia della Marca. Questi modelli rappresentativi dello stato dell’arte della tecnica al servizio delle massime prestazioni, nell’epoca moderna della Ferrari si chiamano 288 GTO, F40 ed F50. Comune denominatore di ciascuna di questa interpretazioni è stata, oltre all’unicità delle prestazioni, anche l’esclusività data dal numero limitato di produzione. E’ in questo filone che, nel 2002, si inserì la “Enzo Ferrari”, una vettura di eccellenza prodotta in soli 399 esemplari sviluppati per un uso stradale, ma sintesi dei contenuti più avanzati per l’epoca della tecnologia da corsa di Formula 1. La “Enzo”, infatti, godeva di un vantaggio unico, quello di poter beneficiare di un transfer tecnologico intenso e continuo generato dalla lunga serie di successi Ferrari in Formula 1. Facendo leva su questo grande patrimonio tecnologico, l’obiettivo che la Ferrari si era posta era stato quello di sviluppare la “Enzo” come un sistema integrato nel quale anche il limite prestazionale ottenibile dal pilota era stato innalzato attraverso un’interfaccia uomo-macchina di tipo Formula 1.

Ferrari Enzo Ferrari - 2002
Ferrari Enzo Ferrari - 2002

Mai come in questa vettura lo stile è stato conseguenza della funzione. Il lavoro in galleria del vento, in pista e in strada, fu sempre volto alla ricerca delle massime prestazioni ottenibile e consentì di sviluppare una vettura senza compromessi. Il frontale era fortemente ispirato, per forma e funzione, a quello della monoposto di Formula 1, mentre la fiancata, grazie anche all’uso di materiali compositi, venne scolpita dando alle aperture destinate ai passaggi aria le migliori forme necessarie alla fluidodinamica interna. Infine la parte posteriore, dove era stato eliminato il voluminoso alettone operando su piccole appendici aerodinamiche e su un efficacissimo effetto suolo. Pininfarina riuscì ad armonizzare magistralmente l’insieme di queste e altre funzioni, proponendo una linea dal forte carisma.

La Scocca

Lo spirito “puro e duro” della vettura, lo spazio ridotto e l’obiettivo di leggerezza suggerirono una soluzione di stretta funzionalità per gli interni. Tutte le principali superfici erano in fibra di carbonio a vista. Il volante raggruppava una serie di comandi di controllo del veicolo secondo la tendenza mutuata dalla Formula 1. Anche la struttura dei sedili di tipo racing era completamente in fibra di carbonio. Esisteva inoltre la possibilità di combinare la misura dello schienale e la seduta per consentire una perfetta postura di guida secondo la corporatura e lo stile di guida dei clienti. In sintesi, la Enzo inaugurò anche per lo stile degli interni una nova generazione di interni: l’interfaccia uomo-macchina acquisiva una maggiore efficacia e il pilota veniva messo nella condizione ottimale per lo sfruttamento delle prestazioni estreme della vettura.
Se la F50 resterà nella storia dell’automobile per aver saputo portare sulla strada la tecnica usata in Formula 1, con motore direttamente derivato da quello della monoposto della stagione 1990, la Enzo propose soluzioni maggiormente orientare a creare un raccordo tra l’insegnamento delle corse e la strada. Per questo una serie di elementi in essa contenuti saranno destinati a fare la loro comparsa sui futuri modelli Ferrari. Il leggerissimo e compatto V12, i freni in carbonio, l’interfaccia uomo-macchina, le soluzioni aerodinamiche e altro ancora. Per il progetto Enzo, il telaio fu realizzato interamente con “sandwich” di fibre di carbonio ed honeycomb di alluminio. Ciò permise di soddisfare gli elevati requisiti richiesti in termini di rigidezza, leggerezza e sicurezza.

Ferrari Enzo Ferrari - 2002
Ferrari Enzo Ferrari - 2002

Il Motore

Il motore della Enzo era un 12 cilindri a V65°, di progettazione completamente nuova sulla base delle esperienze in F1, da cui derivavano soluzioni tecniche uniche. I dati caratteristici di questo motore erano la cilindrata totale di 5.998 cm3, una potenza massima di 660 CV a 7.800 giri/minuto e una coppia massima di 67 kgm a 5.500 giri/minuto. Il rapporto di compressione era di 11,2 e la potenza specifica di 110 CV/lt. Gli obiettivi prestazionali del nuovo V12 erano stati completamente centrati, allo scopo di fornire un mix unico di elevatissima potenza, grande coppia sin dai bassi regimi e ampio utilizzo. Il gruppo cambio posteriore era in accoppiamento diretto con il motore ed era stato sviluppato nella sola versione F1. Obiettivo prioritario del progetto Enzo fu l’abbattimento del tempo di cambio marcia (ridotto a 150 millisecondi) ai fini della massima sportività di utilizzo, grazie anche a una nuova strategia di controllo e a ulteriori affinamenti che nello spirito della vettura furono meno influenzati dai compromessi con il comfort.

L’impianto frenante, sviluppato specificatamente da Brembo, era dotato di dischi freno in materiale carbo-ceramico (CCM), per la prima volta utilizzati su una vettura stradale Ferrari, dopo anni di impiego da parte della Ferrari stessa nelle competizioni di Formula 1. Questa applicazione contribuiva al raggiungimento di risultati di assoluta eccellenza della Enzo in tutti i parametri della prestazione in frenata.

Ferrari Enzo Ferrari - 2002

Galleria Fotografica

Accurata selezione dei migliori scatti della Enzo Ferrari  in alta definizione. La galleria fotografica vuole raccontare le peculiarità di questo modello Ferrari, soffermandosi sui dettagli e le inquadrature più rilevanti.

Accurata selezione dei migliori scatti della Enzo Ferrari  in alta definizione. La galleria fotografica vuole raccontare le peculiarità di questo modello Ferrari, soffermandosi sui dettagli e le inquadrature più rilevanti.

Scheda Tecnica

motore 12 cilindri

Motore posteriore, longitudinale, 12V 65°
Alesaggio e corsa 92 x 75,2 mm
Cilindrata unitaria 499,90 cm3
Cilindrata totale 5998,80 cm3
Rapporto di compressione 11,2 : 1
Potenza massima 485 kW (660 CV) a 7800 giri/min
Potenza specifica 110 CV/l
Coppia massima 657 Nm (67 kgm) a 5500 giri/min
Distribuzione bialbero, 4 valvole per cilindro
Alimentazione iniezione elettronica Bosch Motronic ME7
Accensione mono, elettronica statica Bosch Motronic ME7
Lubrificazione carter secco
Frizione bidisco
Telaio monoscocca in fibre di carbonio e honeycomb di alluminio
Sospensioni anteriori indipendenti, triangoli trasversali, puntoni push-rod, molle elicoidali coassiali con gli ammortizzatori telescopici a regolazione elettronica
Sospensioni posteriori indipendenti, triangoli trasversali, puntoni push-rod, molle elicoidali coassiali con gli ammortizzatori telescopici a regolazione elettronica
Freni a disco carbo-ceramici
Cambio 6 rapporti + RM, elettroidraulico F1
Sterzo pignone e cremagliera
Serbatoio carburante capacità 110 l
Pneumatici anteriori 245/35 ZR 19
Pneumatici posteriori 345/35 ZR 19
Tipo di carrozzeria berlinetta, 2 posti
Lunghezza 4702 mm
Larghezza 2035 mm
Altezza 1147 mm
Passo 2650 mm
Carreggiata anteriore 1660 mm
Carreggiata posteriore 1650 mm
Peso 1255 kg a secco
Velocità massima oltre 350 km/h
Accelerazione 0-100 km/h 3,65 s
0-400 m 11,00 s
0-1000 m 19,60 s