Ciao Gianni

Maranello, 2 marzo – Sarà perché era nato nello stesso anno della Scuderia Ferrari, sarà perché quando incontrò Enzo Ferrari nel 1960 si stimarono subito, ma è certo che Gianni Rogliatti è stato il più competente e appassionato storico della Ferrari. Giornalista e autore di numerose pubblicazioni, Gianni s’innamorò della Ferrari a distanza, dall’Argentina, dove era emigrata la sua famiglia, quando lesse nel 1947 su un giornale locale della nascita della 125S, la prima vettura con il nome del fondatore realizzata a Maranello.

Conservava ancora quel ritaglio come molti altri documenti, uno storico preparato e competente grande amico di tutti in Ferrari, con cui aveva collaborato alla realizzazione di importanti opere tecniche e divulgative inclusa la storia completa del Cavallino Rampante realizzata per i 60 anni dell’azienda.

Prodigo di curiosità, aneddoti, ma anche di dati tecnici, era un punto di riferimento per tutti coloro che amano la Ferrari. Per noi era un amico, una persona leale e aperta a cui tutti volevamo bene. Ci macherà Gianni ma resterà per sempre nella storia della Ferrari.