Ferrari apre due strutture dopo-scuola nella città di Ishinomaki grazie agli 80 milioni di yen raccolti dopo il terremoto in Estremo Oriente

Più di 80 bambini hanno partecipato alla cerimonia tenuta da Ferrari Japan per l’inaugurazione delle due strutture dopo-scuola a Ishinomaki, ricostruite grazie alle donazioni di oltre 80 milioni di yen raccolte da Ferrari a seguito della crisi in Estremo Oriente dello scorso anno.

L’intera somma è stata devoluta direttamente alla città giapponese, gemellata con Civitavecchia, e destinata alle scuole elementari di Kaihoku e Mangokuur. Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato Hiroshi Kameyama, Sindaco di Ishinomaki, Domenico Giorgi, l’Ambasciatore italiano in Giappone, Herbert Appleroth, Presidente e Amministratore Delegato di Ferrari Japan e Kazushige Motegi, Presidente del Ferrari Club Giappone.

Mr.Kameyama, il sindaco di Ishinomaki ha rivolto il suo discorso ai bambini e a tutti coloro i quali hanno dato un contributo all’opera di di ricostruzione: “Vorremmo ringraziare sinceramente Ferrari Japan e il Ferrari Club Giappone per questa ricostruzione, che regala un’opportunità ai bambini di Ishinomaki. Queste strutture sono molto importanti per i piccoli, che possono crescere e coltivare i propri sogni. Mi auguro che i bambini diventino forti come il Cavallino Rampante della Ferrari e che le città di Ishinomaki e Civitavecchia rinsaldino sempre più la loro amicizia”.

L’ambasciatore italiano Giorgi ha proseguito la cerimonia d’inaugurazione commentando: “Civitavecchia è grande amica di Ishinomaki da quando una nave sbarcò a Ishinomaki 400 anni fa. Noi siamo amici di vecchia data. La crisi dello scorso anno ci ha fatto pensare a quello che potevamo fare per dare il nostro aiuto. I due complessi sono stati ricostruiti grazie al supporto di Ferrari e noi auguriamo prosperità e buona salute ai bambini di queste strutture”.

Il CEO di Ferrari Giappone, Herbert Appleroth, ha dato il proprio benvenuto e mandato uno speciale messaggio di ringraziamento a tutti gli ospiti presenti alla cerimonia: “Ferrari non significa solo automobili ma è un marchio che regala dei sogni. E questi sogni dovrebbero iniziare in età molto giovane. Siamo orgogliosi e onorati di aver costruito queste due scuole che consentono ai bambini di Ishinomaki di poter immaginare un futuro luminoso e sicuro”.

Grande entusiasmo da parte dei bambini anche per l’opportunità di vedere da vicino e sedersi al posto di guida della FF e della Ferrari California 30. All’entrata di entrambe le strutture scolastiche sono stati esposti loghi speciali del Cavallino e targhe d’argento in ricordo del sostegno della Casa di Maranello.