Ferrari World Design Contest – Sette prestigiose scuole di design internazionali accedono alla seconda fase del concorso

Maranello, 13 giugno – Si è conclusa la prima fase di selezione per il Ferrari World Design Contest lanciato dalla Casa di Maranello, in collaborazione con Autodesk, partner tecnico di Ferrari e supporter del progetto, tra 50 prestigiose scuole di design internazionali. Sono sette le scuole finaliste, con studenti provenienti da tutto il mondo, che saranno impegnate nei prossimi mesi a progettare la Ferrari del futuro.
Due le italiane, lo IED e lo IAAD di Torino, affiancate dal Royal College of Arts di Londra (UK), l’Istituto Europeo di Design di Barcellona (Spagna), il College Hong-ik di Seoul (Corea), il DSK Supinfocom di Pune (India) e il College For Creative Studies di Detroit (USA).

Questa seconda fase di selezione, che segue quella di ricerca di stile, vedrà le finaliste impegnate nella realizzazione dei modelli delle 3 proposte che ogni scuola potrà presentare, sia in 3D Autodesk ® Alias che nel modello fisico in scala 1:4. L’obiettivo è sviluppare la Ferrari del futuro, una hypercar pura, che utilizzi tecnologie e materiali di ultima generazione, estrema (hyper) nella sua architettura e in tutti i suoi aspetti funzionali: hyper-leggera e hyper-veloce, hyper-ecologica e hyper-tecnologica. Agli studenti viene richiesta per la seconda fase una particolare cura dei dettagli e lo sviluppo dell’interno della vettura, senza tralasciare gli aspetti funzionali.

I progetti, oltre 200, pervenuti al Centro Stile della Casa di Maranello, hanno evidenziato una grande attenzione alla riduzione dei consumi con proposte connesse alle propulsioni alternative, e focus particolari sull’ibrido. Linea comune, il divertimento di guida, attraverso l’alleggerimento della vettura, mentre ispirazioni geometriche si alternano a forme sinuose e quasi organiche nelle linee originali disegnate dagli studenti. Una dura selezione per la giuria, presieduta da Luca di Montezemolo, che ha deciso all’unanimità, grazie alla qualità dei lavori, di portare a sette il numero di scuole in finale, rispetto alle sei previste dal bando.

Ai primi due classificati, che verranno annunciati il 19 luglio, uno stage alla Ferrari e premi in denaro. Inoltre Autodesk consegnerà un premio speciale al team che avrà meglio utilizzato il software Alias nella realizzazione del progetto e nel processo di design. L’iniziativa del contest segue la linea adottata sin dagli esordi da Enzo Ferrari, portata avanti con numerosi progetti dal presidente Montezemolo, nel supportare la ricerca e investire in giovani talenti.