Il fascino Ferrari nei riflettori a Pebble Beach

Pebble Beach , 20 agosto – Il fascino e il retaggio Ferrari ancora una volta sono stati protagonisti durante il Monterey Auto Week in California, conclusosi con la celebrazione del 50° anniversario della Ferrari GTO al Concorso di Eleganza di Pebble Beach di domenica 21 agosto. Nelle settimane precedenti a questi grandi eventi della penisola, c’era già stata una soffiata in merito alla celebrazione del 50° anniversario della 250 GTO e anche sulla possibilità che una particolare 250 Testa Rossa del 1957, avrebbe stabilito un record mondiale d’asta. Le Ferrari nuove e quelle classiche così hanno destato grande attenzione, aiutando a infondere il fascino del marchio durante gli eventi della settimana.

Sabato, i risultati dell’asta della Gooding & Co sono riecheggiati in tutto il mondo quando la prima 250 Testa Rossa mai costruita (telaio numero 0666) ha aperto con un’offerta di 10 milioni di dollari, poi salita rapidamente fino ad essere venduta per 14,9 milioni (16,4 milioni incluse le commissioni). La vettura ha così stabilito il record per il più alto prezzo mai pagato per una vettura venduta all’asta, fissato precedentemente, nel 2009, a 12,4 milioni di dollari con un’altra Ferrari 250 TR. Con la livrea N.A.R.T. del 1958, restaurata e con la Certificazione d’Autenticità da Ferrari Classiche, la 250 TR aveva gareggiato a Sebring, Le Mans, Targa Florio e al Nürburgring, con piloti come Phil Hill, Dan Gurney e Wolfang Von Trips.

Domenica, la Ferrari 250 GTO, forse l’auto da corsa più venerata che sia mai stata costruita, ha attirato a sè i riflettori del Concorso. Ventidue delle 39 GTO costruite hanno atteso una in fila all’altra per una festa fotografica. Diverse hanno anche partecipato alle gare storiche nella vicina Laguna Seca.

La 250 GTO del 1962 di proprietà della Scuderia DiBari di Honesdale, Pennsylvania, ha vinto lo Strother MacMinn Elegant Sports Car Trophy e il primo posto nella Classe M-2 per il 50° anniversario della Ferrari 250 GTO.

Inoltre, la Ferrari ha anche messo in bella mostra i modelli classici di domani, la California, la 458 Italia e la FF, la sua prima quattro ruote motrici.