Keanu Reeves: Ferrari è il sogno

Keanu Reeves: Ferrari è il sogno

Azienda

Il divo di Matrix in visita a Maranello

Maranello, 5 giugno – Pista, linee di assemblaggio, Tailor Made, Classiche, Nuova Ges. Non ha voluto perdere niente Keanu Reeves, ospite per una giornata a Maranello. L’attore americano, protagonista di film indimenticabili come Matrix, Speed, Point Break e Piccolo Buddha, ha una passione innata per la velocità, soprattutto su due ruote.

 


Ma ha dimostrato di essere un ottimo pilota anche al volante, quando ha avuto la possibilità di provare sul circuito di Fiorano l’ultima nata del Cavallino Rampante, la Ferrari 488 GTB. “Una vettura con cui si instaura subito una sinergia incredibile”, ha detto. “È come se ti fosse cucita addosso, come se fosse un’estensione del tuo corpo e della tua mente. Non c’è dubbio: la Ferrari è un sogno”.

 

Durante la visita in fabbrica, Keanu si è soffermato nel reparto della Nuova Meccanica, affascinato dalla creazione dei motori, negli atelier del Tailor Made, dove ha potuto constatare di persona l’infinita quantità e la straordinaria qualità dei materiali a disposizione per le personalizzazioni, e sulle linee di produzione delle 8 cilindri, dove non si è mai negato a chi voleva scattare una foto con lui.

Nella seconda parte del pomeriggio, l’attore è passato anche al reparto Classiche, dove ha mostrato tutto il suo entusiasmo di fronte a due modelli appena restaurati: una Ferrari 500 Mondial e una monoposto realizzata in un unico esemplare negli anni Cinquanta per partecipare alla leggendaria 500 Miglia di Indianapolis. “Qui si sente la trasmissione di valori del passato che sono un patrimonio da conservare con cura, come fate con i disegni e i progetti di ogni singolo modello nel vostro incredibile archivio”.

Infine, dopo aver ammirato LaFerrari esposta in atelier e le monoposto della Formula 1 Clienti, con particolare attenzione a quelle di Michael Schumacher di cui è un grande fan, per una stella di Hollywood in una meravigliosa giornata di sole che cosa c’era di meglio di un passaggio sulla California T?