Il 50° modello di vettura aperta
prodotto da Ferrari

Introduzione

Le performance
a cielo aperto
più elevate nella storia del Cavallino

La nuova serie speciale 488 Pista Spider, il 50° modello di vettura aperta prodotto dal Cavallino Rampante, è la Ferrari spider più performante in assoluto nella storia della Casa di Maranello, con il miglior rapporto peso/potenza di sempre, pari a 1,92 kg/cv.

Abbina l’impiego delle migliori soluzioni tecnologiche sviluppate nelle competizioni, con il piacere della guida en plein air, consentendo di vivere emozioni uniche.

Motore, dinamica e aerodinamica derivano da due modelli da corsa: la 488 Challenge e la 488 GTE, che ha vinto il FIA World Endurance Championship nella classe GT nel 2017, per un totale di 5 Campionati Costruttori nel FIA WEC GT su 6 partecipazioni. Inoltre questo modello chiaramente recepisce anche tutto il lavoro di sviluppo svolto con la berlinetta coupé 488 Pista.

Ferrari 488 Pista Spider
GALLERIA FOTOGRAFICA

Prosegui

La Ferrari 488 Pista Spider è equipaggiata con il motore V8 più potente nella storia della Casa di Maranello, nominato miglior motore al mondo per il terzo anno consecutivo agli International Engine of the Year Awards 2018.

Il cliente di riferimento della 488 Pista Spider è il tipico ferrarista “duro e puro”, possessore di altre vetture spider Ferrari. Vuole provare le eccezionali performance di cui è capace la 488 Pista Spider, ma anche godersi la guida senza tettuccio e sentire “cantare” il fantastico suono del propulsore.


NOTE:

I valori dei consumi di carburante e delle emissioni di CO2 indicati sono stati calcolati in conformità al regolamento europeo (CE) 715/2007 nella versione in vigore al momento dell’omologazione.

I valori dei consumi di carburante e delle emissioni di CO2 si riferiscono al ciclo NEDC e all’allestimento vettura con sistema HELE.

Prosegui

WLTP: Nuovi test per la certificazione dei consumi, delle emissioni di CO2 e delle sostanze inquinanti in Europa

Per essere commercializzate, le autovetture effettuano una serie di test per accertare la loro conformità alle normative. I test per valutare i consumi, le emissioni di CO2 e di sostanze inquinanti sono eseguiti in laboratorio e si basano su specifici cicli di guida. In questo modo i test sono riproducibili e i risultati confrontabili. Questo è importante in quanto solo un test di laboratorio, che segue una procedura standardizzata e ripetibile, consente ai consumatori di confrontare i diversi modelli di automobili.

Il 1° settembre 2017 è entrata in vigore in Europa la nuova procedura WLTP (Worldwide harmonised Light-duty vehicles Test Procedure), che andrà a sostituire progressivamente il protocollo NEDC (New European Driving Cycle).

Il ciclo NEDC: L’NEDC (New European Driving Cycle) è stato il ciclo di guida europeo finora utilizzato per il rilievo dei consumi di carburante e delle emissioni di autovetture e veicoli commerciali leggeri. Il primo ciclo di guida europeo era entrato in vigore nel 1970 e faceva riferimento ad un percorso urbano.  Nel 1992 era considerata anche una fase extraurbana e dal 1997 è utilizzato anche per il rilievo dei consumi e delle emissioni di CO2. Tuttavia, la composizione di questo ciclo non è più coerente con gli attuali stili di guida e con le distanze percorse sulle diversi tipologie di strade. La velocità media del NEDC è bassa (34 km/h), le accelerazioni sono contenute e la velocità massima è di soli 120 km/h.

La procedura WLTP: La WLTP utilizza  nuovi cicli di guida (WLTC, cioè Worldwide harmonised Light-duty vehicles Test Cycles) per misurare il consumo di carburante, le emissioni di CO2 e le emissioni inquinanti delle autovetture e dei veicoli commerciali leggeri. Il nuovo protocollo ha l’obiettivo di fornire ai clienti dati più realistici,  rispecchiando maggiormente l’uso quotidiano del veicolo.

La nuova procedura WLTP è caratterizzata da un profilo di guida più dinamico e con accelerazioni più significative. La velocità massima aumenta da 120 a 131,3 km/h,  la velocità media è di 46,5 km/h e la durata complessiva del ciclo  è di 30 minuti, 10 minuti in più rispetto al precedente NEDC. La distanza percorsa raddoppia passando da 11 a 23,25 chilometri. Il test WLTP si compone di quattro parti in funzione della velocità massima: Bassa o Low (fino a 56,5 km/h), Media o Medium (fino a 76,6 km/h), Alta o High (fino a 97,4 km/h), Extra-alta o Extra-high (fino a 131,3 km/h). Queste parti del ciclo simulano la guida urbana e suburbana e la guida sulle strade extra-urbane e sulle autostrade. La procedura tiene conto anche di tutti i contenuti opzionali che influenzano l’aerodinamica , la resistenza al rotolamento e la massa del veicolo, determinando un valore di CO2 che rispecchia le caratteristiche del singolo veicolo.

Confronto  NEDC – WLTP

NEDCWLTP
Tempo ciclo  20   minuti  30      minuti
Distanza percorsa  11   km  23,25 km
Velocità massima120  km/h131,3   km/h
Velocità media  34  km/h  46,5   km/h
Fasi di guida2 Fasi4 Fasi più dinamiche
Influenza degli equipaggiamenti  opzionaliNon considerataSono prese in considerazione ulteriori caratteristiche (che possono differire da veicolo a veicolo)
Cambi marciaPunti di cambio marcia definitiPunti di cambio marcia differenti per ogni veicolo
Tempo di fermata24%12,5%

La transizione da NEDC a WLTP

La procedura WLTP  sostituirà gradualmente quella NEDC. La WLTP si applica ai nuovi modelli di autovetture omologati a partire dal 1° settembre 2017 e a tutte le autovetture immatricolate a partire dal 1° settembre 2018 ed è obbligatoria per tutti gli stati membri dell’UE.
Fino alla fine del 2020, entrambi i valori di consumi ed emissioni di CO2 WLTP e NEDC saranno presenti nei documenti del veicolo. I valori NEDC saranno infatti utilizzati per valutare le emissioni medie di CO2 delle autovetture immatricolate nella UE fino a tutto il 2020. Inoltre, alcuni Paesi potrebbero continuare ad utilizzare tali dati ai fini delle tassazioni sui veicoli. Dal 2021, i dati WLTP saranno gli unici valori di consumo / emissioni di CO2 per tutte le autovetture. I veicoli usati non saranno interessati da questo passaggio e manterranno i loro valori NEDC certificati.

I consumi e le emissioni su strada delle autovetture
La nuova procedura di prova WLTP è più rappresentativa delle attuali condizioni di guida rispetto alla procedura NEDC, ma non può prendere in considerazione tutti i casi possibili incluso l’effetto dovuto allo stile di guida che è proprio di ogni singolo guidatore.
Pertanto rimarrà ancora una differenza tra le emissioni ed i consumi rilevati in laboratorio e quelli derivanti dall’utilizzo del veicolo nel mondo reale e l’entità di tale differenza dipenderà da fattori come il comportamento di guida, l’uso di sistemi di bordo (es. climatizzatore), il traffico e le condizioni meteorologiche che sono caratteristiche di ogni area geografica e di ogni guidatore

Per questa ragione solo un test di laboratorio standardizzato permette di ottenere valori con cui sia possibile confrontare in modo equo veicoli e modelli differenti

Cosa cambia per i clienti

La nuova procedura WLTP fornirà  un criterio più realistico per confrontare i valori di consumo e di emissioni di CO2 dei diversi modelli di veicoli dato che è stata progettata per riflettere in modo più accurato il comportamento di guida reale e per tener conto delle caratteristiche tecniche specifiche del singolo modello e versione, inclusi gli equipaggiamenti opzionali.

Design

Armonia e leggerezza con un’anima racing

Le esigenze aerodinamiche hanno guidato il lavoro del Ferrari Design Center che ha scolpito le forme della 488 Pista Spider perché fosse più che mai funzionale alle prestazioni, compiendo un grande lavoro per rispettare i requisiti dell’aerodinamica e proteggere allo stesso tempo gli stilemi e i canoni estetici Ferrari.

L’ABITACOLO DELLA 488 PISTA SPIDER

Armonica, raffinata ed  essenziale

Nell’abitacolo l’atmosfera è decisamente racing, all’insegna dell’essenzialità. L’estensivo utilizzo di materiali tecnici leggeri e nobili come carbonio e Alcantara, si armonizza alla perfezione con l’artigianalità e la raffinatezza tipica degli interni Ferrari. Lo testimoniano le cuciture manuali a contrasto, le pedane poggiapiedi e battitacco in alluminio mandorlato, o la forma dei pannelli porta.

La zona del guidatore è stata impreziosita, con lo sviluppo di due vele completamente in carbonio attorno al quadro strumenti (contenuto a scelta). L’eliminazione del cassetto portaoggetti nella plancia davanti al passeggero (sostituito da comode tasche portaoggetti su panchetta e porte) ha consentito di snellire notevolmente il volume del sotto-plancia.

LA CARROZZERIA DELLA 488 PISTA SPIDER

Forme leggere con una  livrea racing

I designer hanno saputo sfruttare elementi di innovazione, come per esempio il canale aerodinamico S-Duct all’anteriore, quale opportunità per accorciare otticamente il muso della vettura, creando un originale effetto di ala a sbalzo. Il profilo a forma di omega nero del paraurti anteriori e i flick laterali richiamano il motivo del fondo aerodinamico prominente della 488 GTE.

LA CARROZZERIA DELLA  488 PISTA SPIDER

Sulla fiancata spicca l’eliminazione dello splitter nelle prese d’aria laterali che è presente nella 488 Spider. All’anteriore i profili aerodinamici che partono dal paraurti si raccordano armonicamente con la minigonna laterale e terminano sulle appendici laterali del diffusore posteriore.

Al concetto del frontale fa eco l’ala posteriore sospesa a “coda di rondine”, che aggiunge un senso di leggerezza ed efficienza, mentre i volumi della coda esprimono al meglio tutta la potenza della vettura.
La Ferrari 488 Pista Spider è caratterizzata da una livrea racing che percorre tutta la carrozzeria dal paraurti anteriore, attraverso il condotto S-Duct, fino allo spoiler posteriore.

LA CARROZZERIA DELLA 488 PISTA SPIDER

Sono state disegnate per questa vettura due tipologie di livree: la prima, con le due bande esterne impreziosite da due sottili bande interne, dona alla vettura un tocco di raffinatezza e leggerezza.
La seconda, con le due bande esterne a racchiudere la più importante banda centrale, attribuisce alla vettura potenza e sportività.

Innovazioni

Motore

IL MOTORE V8 PIÙ POTENTE DI SEMPRE MONTATO SU UNA FERRARI STRADALE

Per le sue caratteristiche e le sue prestazioni, il motore della 488 Pista Spider è il benchmark di riferimento non solo dei motori turbo di ultima generazione, bensì di tutti i propulsori in assoluto, inclusi quelli aspirati. Proprio per questo, come detto, è stato premiato per tre anni consecutivi come «Engine of the Year», nel 2016, 2017 e nel 2018.

È il motore V8 più potente di sempre montato su una Ferrari stradale, in termini di potenza assoluta e potenza specifica, e vanta il più elevato incremento di potenza di sempre rispetto alla vettura di gamma di riferimento.

Prosegui

I dati tecnici prestazionali sono eccezionali e si posizionano direttamente al vertice del segmento. La Ferrari 488 Pista Spider è in grado di erogare 720 cv a 8.000 giri/minuto, 50 cv in più rispetto alla 488 Spider e 115 cv in più rispetto alla precedente versione speciale. La potenza specifica raggiunta è di 185 cv/l, che permette a questo motore V8 di posizionarsi come best in class. La coppia massima è incrementata a tutti i regimi, fino a 770 Nm di picco (+10 Nm vs 488 Spider) e disponibile da 3.000 giri al minuto.


Il sound è unico nel suo genere, decisamente sportivo e degno di una versione speciale, più alto rispetto alla 488 Spider in tutte le marce e ad ogni regime e maggiormente apprezzabile rispetto alla versione coupé grazie al tetto rigido retrattile. Contribuiscono all’aumento di intensità e di qualità del sound di questo motore i nuovi collettori di scarico in Inconel e una logica ottimizzata dei bypass di scarico.

Aerodinamica

INNOVAZIONE E PERFORMANCE SENZA COMPROMESSI

Un grande contributo al miglioramento delle prestazioni della Ferrari 488 Pista Spider è da attribuirsi all’approfondito lavoro di ricerca aerodinamica, che si è avvalso delle libertà progettuali concesse da un concept di prodotto focalizzato sull’innovazione e sulla performance senza compromessi.
È stata migliorata la già eccezionale efficienza aerodinamica della 488 Spider, incrementandone il valore del 20%, a tutto vantaggio delle prestazioni velocistiche, del tempo sul giro su tracciati medio-veloci e del divertimento di guida.


Prosegui

Il V8 turbo della Ferrari 488 Pista Spider sviluppa 50 cv in più rispetto alla vettura di origine, grazie anche a una riduzione della temperatura dell’aria in ingresso polmone di quasi 15°C rispetto alla 488 Spider. Quindi lo sviluppo di termo-fluidodinamica ha interessato le specifiche di raffreddamento del propulsore, minimizzando gli impatti sulla performance aerodinamica pura.

Per garantire le prestazioni richieste dal propulsore, l’area degli intercooler sarebbe dovuta crescere di oltre il 25% rispetto a quella della 488 Spider. Al fine di minimizzare sia l’aumento di peso che di resistenza connessi a una superficie radiante così ampia, si è lavorato intensamente per migliorarne l’efficacia, limitando a un 7% l’incremento di superficie. Il contributo maggiore all’efficacia dell’intercooler deriva da radicali scelte di layout introdotte all’anteriore.

Dinamica Veicolo

DIVERTIMENTO DI GUIDA E MASSIMA FRUIBILITÀ

L’obiettivo dello sviluppo dinamico della Ferrari 488 Pista Spider era quello di ottenere una vettura aperta fortemente caratterizzata da prestazioni meccaniche elevate in termini di tempi sul giro e prestazioni da fermo, divertimento di guida e fruibilità da parte di tutti i guidatori.

La dinamica veicolo messa a punto per questa serie speciale 8 cilindri in versione aperta offre pertanto una combinazione di accelerazione, efficienza frenante, velocità di cambiata, precisione di sterzo, aderenza, stabilità e maneggevolezza per assicurare un coinvolgimento di guida senza precedenti. Questo anche grazie a un nuovo controllo, il Ferrari Dynamic Enhancer (FDE), che rende la gestione delle dinamiche laterali a elevate prestazioni più prevedibile, controllabile e intuitiva.

Prosegui

Per raggiungere gli obiettivi prefissati, gli ingegneri della Ferrari hanno lavorato su diversi temi, a cominciare dalle numerose soluzioni di alleggerimento, sviluppando sia la nuova generazione del sistema di controllo del Side Slip Control (SSC 6.0) che apportando miglioramenti nella gestione dell’impianto frenante e dei nuovi pneumatici Michelin Sport Cup 2.
Dato che la Ferrari 488 Pista Spider è una vettura sviluppata per un utilizzo prevalentemente stradale ma con prestazioni elevate anche in circuito, l’impianto frenante è stato sviluppato per migliorare il raffreddamento.

Scheda tecnica

Motore  V8

IL PIÙ ELEVATO TRANSFER TECNOLOGICO DALLA PISTA PER UNA VETTURA STRADALE SCOPERTA

POTENZA MASSIMA

Ferrari maximum power

530 kW

(720 cv)

a 8000 giri/min

ACCELERAZIONE

Ferrari acceleration

2,85

sec

0-100km/h

PESO / POTENZA

185

cv/l

Tipo V8 - 90° biturbo – Carter secco
Cilindrata totale 3902 cm3
Potenza massima* 530 kW (720 cv) a 8000 giri/min
Coppia massima* 770 Nm a 3000 giri/min in VII marcia
Potenza specifica 185 cv/l
Regime massimo 8000 giri/min
Rapporto di compressione 9,6:1
Lunghezza 4605 mm
Larghezza 1975 mm
Altezza 1206 mm
Passo 2650 mm
Carreggiata anteriore 1679 mm
Carreggiata posteriore 1649 mm
Peso in ordine di marcia** 1485 kg
Peso a secco** 1380 kg
Rapporto secco/potenza 1,92 kg/cv
Distribuzione dei pesi 41,5% ant - 58,5% post
Capacità vano baule 170 l
Capacità serbatoio benzina 78 l
Anteriore 245/35 ZR 20 J9,0
Posteriore 305/30 ZR 20 J11.0
Anteriore 398 x 223 x 38 mm
Posteriore 360 x 233 x 32 mm
Cambio F1 a doppia frizione 7 marce
E-Diff3, F1-Trac, ABS/EBD prestazionale con Ferrari Pre-Fill, FrS SCM-E, FDE, SSC 6.0
0-100 km/h 2,85 s
0-200 km/h 8,0 s
100-0 km/h 29,5 m
200-0 km/h 116 m
Velocità massima 340 km/h
Tempo sul giro a Fiorano 1’21,5”
Emissioni 266g CO2/km
Consumi ciclo urbano 15.9 l/100km
Consumi ciclo extra-urbano 9.3 l/100km
Consumi ciclo misto 11.7 l/100km
NOTA: I valori dei consumi di carburante e delle emissioni di CO2 indicati sono stati calcolati in conformità al regolamento europeo (CE) 715/2007 nella versione in vigore al momento dell’omologazione. I valori dei consumi di carburante e delle emissioni di CO2 si riferiscono al ciclo NEDC e all’allestimento vettura con sistema HELE.
* Con benzina 98 ottani
** Con contenuti opzionali di alleggerimento

Concessionari


Multimedia